Nacer Bouhanni: La mia stagione è stata destabilizzata dalla sospensione dell’UCI

Il 2021 è stato un anno da dimenticare per il velocista Abbigliamento Ciclismo Arkéa-Samsic Nacer Bouhanni, non solo perché è andato senza vittorie, ma a causa di uno scontro in volata con Jake Stewart di Abbigliamento Ciclismo Groupama-FDJ che è andato fuori controllo e gli ha fatto perdere una parte vitale della stagione.

Il 31enne francese è stato squalificato dal GP Cholet-Pays De Loire dopo aver urtato Stewart contro le barriere mentre si tuffava al volante del futuro vincitore Elia Viviani (Cofidis). Stewart si è fratturato un osso alla mano e ha perso il Giro delle Fiandre, e Bouhanni è stato successivamente sospeso per due mesi per uno sprint pericoloso.

Bouhanni si è ritirato dagli Scheldeprijs dopo essere stato bersaglio di una marea di abusi razziali online, dicendo di essere stato incessantemente molestato per tutta la sua carriera, ma le ricadute dello scontro con Stewart sono state l’ultima goccia.

«Mi ha disgustato così tanto che non ho nemmeno più voglia di parlarne. È stato molto difficile da accettare. Infatti non ho capito tutto di questa storia. È vero che c’è stato un errore, ma è stato impensabile che andasse a finire in questo modo.

«Non nego che c’è stato un fallo, che ho cambiato la mia linea, ma non è stato in alcun modo per danneggiare il mio avversario. Era solo per cercare di vincere la gara», ha detto Bouhanni.

La mossa che ha fatto non è stata molto diversa da altre fatte da corridori squalificati per sprint irregolari ma non squalificati.

La reputazione di Bouhanni e le passate retrocessioni potrebbero aver contribuito alla sua sospensione, ma dopo la gara ha insistito sul fatto che «non era un delinquente».

«La gente è pronta a darti una reputazione», ha detto all’Equipe.

«Sono un pilota di carattere ma sono perlopiù un ragazzo normale. Chi mi conosce davvero può parlarne. Certo, chi non mi conosce può criticarmi. Ora, non lo so davvero. cura. Finché tutto va bene con le persone che mi circondano quotidianamente, questa è la cosa principale».

Bouhanni ha fatto parte della squadra del Tour de France della sua squadra ed è stato più volte vicino alla sua prima vittoria di tappa, ma il suo miglior risultato è stato secondo a Mark Cavendish a Fougères. È anche arrivato terzo due volte in altre due volate.

«Ho fatto il possibile per tornare in condizioni abbastanza buone per il Tour de France. Avevo solo bisogno di correre un po’ di più prima. Non è un grosso problema. Ero nella mischia ma mi mancava comunque la vittoria», ha spiegato.

Con altri due anni aggiunti al suo contratto con l’Arkéa-Samsic, Bouhanni spera di ottenere finalmente una tappa del suo Grand Tour di casa nel 2022. L’Arkéa-Samsic è un ProTeam ma si è assicurato gli inviti alle gare del WorldTour 2022 dopo essere stato il secondo migliore classificato ProTeam nel 2021 dietro Alpecin-Fenix.

«Se non ce l’ho mai fatta, allora mi dico che doveva essere così. Questa è la vita ed è ancora sport. Ma so che farò ancora di tutto per ottenere questa vittoria di tappa al Tour», ha detto Bouhanni.